Tutti i segreti per una pasta fresca perfetta, vi portiamo dietro le quinte di Punto e Pasta

Punto e Pasta > Blog > Punto e Pasta > Tutti i segreti per una pasta fresca perfetta, vi portiamo dietro le quinte di Punto e Pasta

Mettiamo un’attenzione maniacale nella produzione della nostra pasta fresca, ecco perché abbiamo deciso di portarvi dietro il sipario, dentro il nostro laboratorio… lì dove la pasta é una cosa seria e aggiungeremo quasi “sacra”.

Probabilmente già lo sapete, ma noi vogliamo ricordarvelo: utilizziamo farine di grano 100% siciliano e uova da allevamento a terra per ottenere un sapore più ricco e una consistenza ideale.

Attenzione però: vengono dedicate cure anche al ripieno!
La ricotta per noi è Sacra e deve rimanere pura.

Per questo motivo non aggiungiamo la mollica di pane per ridurne i quantitativi e aumentarne il peso, come invece molti altri operatori del settore.

Poi, cos’altro?
Ah sì, la brasatura della carne!

Ancora oggi la cottura della carne avviene come un tempo nel nostro laboratorio utilizzando la stessa ricetta di 30 anni fa. Mettiamo la carne per davvero!

Ma passiamo agli spinaci…
Vi siete mai chiesti, come mai gli spinaci dei nostri ravioli sembrano sempre così freschi?Vi sveliamo anche questo segreto: sono sottoposti ad un particolare processo naturale.

Perché?

Per facilitare la loro conservazione, ridurre l’attività dell’acqua libera nel prodotto finito al fine di ottenere dei cospicui miglioramenti della Shelf-life.

Ma il motivo é soprattutto un altro. Questo particolare processo, inibisce le contaminazioni crociate microbiologiche e organolettiche. Quindi, si riduce notevolmente la carica batterica e si eliminano i germi patogeni.

In questo modo non solo viene preservata la freschezza degli spinaci che in cottura sprigionano il loro inconfondibile gusto ma sono anche più digeribili.

Vi é piaciuto questo piccolo “dietro le quinte”?

Se la risposta é sì, continuate a seguirci perché nelle prossime settimane vi sveleremo altri segreti della nostra pasta fresca e perché no, sveleremo anche i falsi miti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *